2016-08-23_17h18_17

Odissee botaniche

Non amo particolarmente fiori e piante; mi piace tenere un orto, però, e godo della bellezza di certe specie. Il libro l’ho letto perché costret invitata dal mio circolo di lettura, e l’ho letto come merita, a sprazzi, in momenti diversi, non certo come un romanzo. Peccato, perché come un romanzo sarebbe potuto essere: in realtà, il racconto è a volte curioso e interessante, a volte confuso (ah, ‘spetta, ora di ti dico questo, no, ora torno a dov’eravamo, e, sì, quest’altro te lo dico dopo, e adesso torno indietro, tuttavia, come vedremo in seguito, e poi vedrai che ti dico anche il resto), di sicuro tradotto con qualche leggerezza. Ci sono infatti dei congiuntivi di troppo (“…il metodo si dimostrò più facile da seguire quando fosse adattato…”: e, no, qui ci voleva un bel “fu”), delle ridondanze grammaticali errate (“ne furono fatte diverse copie dell’originale”), e date buttate lì (se la madre di Linneo aveva 19 anni quando lui è nato, ed è morta quando lui di anni ne aveva 26, perché è morta ‘quarantenne’ e non quarantacinquenne?). Poi mi rimane la curiosità di sapere come mai, quando gli autori citano il loro libro, lo fanno sempre in corsivo: “nell’introduzione di questo libro”, “nel prossimo capitolo di questo libro”. Lo so che in sé è una cretinata, ma dato che le convenzioni grafiche nei libri a stampa hanno un senso ben preciso, ogni volta che incontravo “questo libro” mi prendeva un soprassalto e mi chiedevo quale altro libro era in ballo, e ci sentivo come una minaccia (“questo libro, eh!, guai a te se pensi a un altro libro! Ti ti diamo delle legnate con una Sequoia sempervirens, che tra un po’, vedrai, ti spieghiamo chi l’ha scoperta, in questo libro“).
Dopo queste osservazioni che ai veri botanici non interesseranno punto, devo anche dire che il libro è comunque, come dicevo, curioso. Tanto per fermarci ancora a Linneo, uno si immagina un luminare della scienza, serio e ponderato, grande studioso, e qui si trova (spoiler) un botanico pieno di sé, un po’ matto, molto copione, con una moglie grassa e ignorante (ma ricca), e con una sola intuizione geniale sulla quale ricama per il resto della sua vita.
Ci sono poi digressioni paleontologiche, architettoniche, familiari, di viaggio. Ci sono pagine che si leggono volentieri, e pagine che disorientano, perché sembrano l’elenco delle genealogie dei sovrani del nord Europa (Olof il Vecchio, Olof il Giovane, Olof Celsius il Vecchio e così via, per limitarsi alle prime pagine) o paiono il calendario di Frate Indovino con i viaggi, e i naviganti che si incrociano, vanno, vengono, tornano o muoiono in un tourbillon vegetal-scientifico non sempre chiaro.
Che, poi, appunto, se c’è qualcuno che rischia la vita per portare qui da noi una primula del Capo o un agapanto (che nemmeno Wikipedia ci dice chi è), e se c’è qualcuno che muore di febbre prima ancora di aver sfiorato una

2016-08-23_17h29_50

famiglia delle Liliacee

piantina, mi piacerebbe sapere il perché e il per come. Invece, niente, muore, e la vedova si arrabbia molto con chi l’ha mandato là, amen. O se qualcuno ha “delle qualità che avrebbero potuto fare di lui un buon ufficiale” e questo qualcuno ha quattordici anni, vuoi dirmi qualcosa di lui o ti limiti a dirmi che si innamora del Sudamerica e non gli piacciono le frustate ai marinai?
Insomma, alla fine un libro che si può leggere per essere informati di piccole o grandi cose che riguardano le scoperte botaniche degli ultimi secoli, informazioni troppo lievi per veri intenditori, e accettabili per gli altri, se non ci si aspetta che affiorino davvero il coraggio e il cinismo e l’audacia che animano questi esploratori del verde. Perché son qualità che non stento a credere vere, e che a volte emergono naturalmente dalla successione dei fatti, ma che gli autori annacquano alquanto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in vecchio blog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...